Cantata scenica sulla Thyssenkrupp

fonderia colata

Tempo Reale cura la parte elettronica della nuova opera di Adriano Guarnieri "Lo stridere luttuoso degli acciai" una cantata scenica sui morti della ThyssenKrupp, in prima assoluta al Teatro Astra di Torino dal 4 al 7 dicembre.

Nell'opera s’intrecciano e si sovrappongono tre linguaggi: quello della poesia, quello della musica e quello delle immagini. Si tratta di una sequenza di 121 versi liberi, divisi in sette sezioni di lunghezza variabile: ciascuna affronta aspetti diversi, privati e pubblici, elegiaci e civili, documentati nel periodo immediatamente successivo all’evento e sotto la spinta delle diverse forme di emozione suscitate dalla tragedia.

 

4 - 7 dicembre 2014

Teatro Astra, Torino

LO STRIDERE LUTTUOSO DEGLI ACCIAI
Cantata scenica per soli, voce recitante, voci su nastro, ensemble e live electronics

musica Adriano Guarnieri
su testo di Giorgio Luzzi
messinscena Controluce Teatro d'Ombre - Cora De Maria, Alberto Jona, Jenaro Melendrez Chas
con la collaborazione di Piccola Accademia del Teatro Ragazzi e dell'Animazione
1° soprano Sonia Visentin
voce recitante Michela Mocchiuti
percussioni con due ampie lastre appese Ensemble Icarus
direttore Pietro Borgonovo
regia del suono e live electronics Tempo Reale (Francesco Giomi, Damiano Meacci)
light design Simona Gallo
Fondazione Teatro Piemonte Europa con il patrocinio di Goethe-Institut Turin
in collaborazione con Tempo Reale (Firenze)